IT

IT

Comincia con un delitto, questo libro. Un delitto particolarmente efferato, di quelli di cui leggiamo sui giornali, ma poi non continua così. E siccome sarebbe un delitto spoilerare, perché esiste ancora qualcuno abbastanza sfortunato (non sa cosa si è perso) o tanto fortunato (non sa quanta bellezza lo aspetta) da non aver letto il libro, cerchiamo di capire perché It è un grande libro horror, ma soprattutto un grande libro e basta senza svelare troppo della trama. Quello che vi posso dire è che, anni dopo la morte dolorosa del piccolo Georgie, un gruppo di persone, che ormai vivono tutte lontane dal paese d’origine (che è Derry, nel Maine), vengono richiamate a casa in occasione di un evento di cui non vi dirò niente: non ce n’è bisogno, e sarebbe un crimine. Non si vedono da anni, ma all’epoca del delitto erano una di quelle bande di ragazzini che stavano insieme tutto il giorno a correre e giocare. Ora, ricordate quello che abbiamo detto prima: perché sia credibile l’orrore, deve essere credibile il contesto. E perché sia credibile, meno inquinato dagli adulti è, e meglio viene il racconto. Però. C’è un però grande come una casa, ed è che quasi nessuno riesce a scrivere un racconto dal punto di vista dei bambini (o peggio ancora, dei ragazzi, che hanno i piedi in due differenti sponde della vita). La stragrande maggioranza degli scrittori, quando deve descrivere un gruppo di bambini, non fa altro che immaginarseli adulti, semplificare un po’ il linguaggio e metterli ogni tanto su una bicicletta o a correre dietro a un pallone. Ecco perché pochi ci provano (in genere i più presuntuosi) e quasi nessuno ci riesce. E in questo caso, quasi significa Stephen King. In questo libro cosiddetto dell’orrore, l’orrore, cioè il mostro, Pennywise il clown, non occupa che uno posto di secondo piano; gli altri viaggiano in prima classe, lui su uno strapuntino. Appare solo quando è necessario, ma il corpo del libro è costruito , dickensianamente, a cattedrale, intorno ai flashback dei protagonisti che tornano a Derry. I protagonisti, dicevamo. La 

Stephen King

Stephen King

Nel 2000 King pubblica su internet un romanzo a puntate, The Plant. Visto l'insuccesso, soprattutto economico poiché molte sono le persone che scaricano i nuovi capitoli senza pagarli, abbandona il progetto.[36] Nel 2002, sulla rivista Entertainment Weekly, per la quale fino al 2003 scrive la rubrica, The Pop of King[37], annuncia di voler smettere di pubblicare, anche se non forse di scrivere.[2] Nell'ottobre del 2005 King firma per la Marvel Comics una trasposizione a fumetti della serie, La torre nera, intitolata La nascita del pistolero. La serie, basata sulle vicende di un giovane, Roland Deschain, venne diretta da Robin Furth, illustrata da Jae Lee, vincitore dell'Eisner Award, con dialoghi di Peter David. La prima uscita viene pubblicata il 7 febbraio 2007 negli Stati Uniti, e nel marzo dello stesso anno vendette oltre 200 000 copie[38]. In Italia la serie venne pubblicata mensilmente a partire dalla fine dell'agosto 2007, per un totale di...

Sperling & Kupfer

Sperling & Kupfer nasce nel 1899 per iniziativa di due librai tedeschi: Heinrich Otto Sperling, già proprietario a Stoccarda di un’ impresa di distribuzione e commercio librario, e il giovane Richard Kupfer, originario di Lipsia. Gli esordi avvengono essenzialmente con un’attività di importazione e distribuzione di opere straniere riguardanti il settore tecnico-scientifico. I due imprenditori intuiscono però nel mercato italiano un territorio fertile per la diffusione della cultura straniera e vengono avviate iniziative editoriali autonome sulla base di una grande attenzione alla produzione internazionale.



IT
30/11/2017

A cena con Simona Lo Jacono
A cena con Simona Lo Jacono
Il Circolo
ore 20.00

Simona Lo jacono vi aspetta nella incantevole sede del "Circolo" di via Garibaldi, dove intratterrà il suo pubblico intervistata da Adriana Ferlazzo sul suo libro,"Il morso", poetico dipinto della Palermo del 1847. Si potrà partecipare alla serata prenotando presso la nostra sede.

>> Continua a leggere...
29/11/2017

Nemiche
Comunitą Ellenica dello Stretto
ore 17.00

Martedì 28 novembre alle ore 17.00, la Libreria Bonanzinga ospiterà nei locali della Comunità Ellenica dello Stretto l'autrice Carla Maria Russo. L'autrice, sugli scaffali delle libreria di tutta Italia con il suo ultimo libro, "Nemiche", verrà intervistata da Patrizia Danzè. Vi aspettiamo numerosi.

>> Continua a leggere...
13/12/2017

A cena con Piercamillo Davigo
Salone della Borsa della Camera di Commercio
ore 20.00

L'ultimo libro di Piercamillo Davigo, "Il sistema della corruzione", al centro di questa originalissima serata, dedicata alla politica, ma anche alla buona cucina. Dopo aver partecipato alla conversazione dell'autore con Lucilla Risicato, gli ospiti, infatti,prenderanno parte ad una vera e propria "cena americana", che promette di essere molto "gustosa". Per prenotare, vi aspettiamo in libreria. Per informazioni, telefonate allo 090/718551.

>> Continua a leggere...
chiudi

>> Powered by Sinergiaweb.it